TESTI

TESTI “E’ UNA GUERRA ANTICA”

Guerra-antica1

 

LE ALI DELLA LIBERTA’

 

– liberamente ispirato all’omonima opera di Jack Darabont –

 

Come il vento andare, in libertà

Senza più paure, libertà

Nel vento cantare, libertà

Senza più frontiere, libertà

 

Niente più catene, libertà

Stringila più forte, libertà

 

Gridala più forte, libertà

Niente più catene, libertà

Libero nel vento, libertà

 

 

 

OKALAMA’

 

Si vedono le luci, si sentono le voci

di uomini le risa felici dicon che si chiami “Okalamà”

E dicon che là in alto esista un’altra età,

un’altra storia con sorprese e novità, si chiama “Okalamà”

 

E c’è chi viene c’è chi va lungo le vie di Okalamà

L’amore è un fiore in libertà: non c’è prigione a Okalamà

A Okalamà non v’è sui campi ombra di spine,

solo luce e sole e petali di viole

A Okalamà notte non c’è né inverno mai, a Okalamà.

 

Si dice, ed io lo so, che sia un sogno andare là,

e con due ali si va senza carta d’identità, è proprio Okalamà

 

E c’è chi viene c’è chi va…

 

E chi c’è stato ride già, è sempre festa a Okalamà

Si balla in cerchio e il cha cha cha, è sempre sballo a Okalamà

A Okalamà…

 

 

 

VIENI SULLA COLLINA

 

Vieni sulla collina no non aspettare ancora

Vieni sulla collina canteremo alla mattina

Vieni sulla collina no non stare più laggiù

Vienitene anche tu canteremo alla luna

 

Vieni sulla collina col flauto nella mano

Vieni sulla collina volerai un po’ più lontano

Vieni sulla collina dove Surya brucia forte

Vieni sulla collina dove Chandra è la regina

 

Vieni sulla collina là c’è un fuoco indiano

Vieni sulla collina volerai un po’ più lontano

Vieni sulla collina dove Chandra è la regina

Vieni sulla collina o mia piccola bambina

Vieni sulla collina partiremo domattina

 

 

 

LUNA SCIOCCHINA

 

Ma dove vaghi, luna piena, nelle mie notti insonni magica

Parlami un po’ del tuo viaggio, ironia io leggo sul tuo volto bianco

Dimmi di te, della tua strana musica

Bambina perché questo silenzio gelido?

 

Giù in riva all’Adige brilla sullo specchio d’acqua il tuo talento

E tu segui ed accompagni sempre e ovunque il mio andare vagabondo,

sulla terra siamo in due vagabondi

E tu bimba lo sai, che occhi hai come di un angelo

Del rumore che c’è in questa lotta contro i mulini a vento…che corsa inutile!

 

Portami lassù con te, portami via da quaggiù, almeno un po’, almeno

Potrei far riposare finalmente questa pazza mente che non si ferma mai

Ma, sacramento!, perché non rispondi e stai solo a guardare?

…Dovevo pensarci! Che colpa ne hai se non c’è vita in te?

La luce che hai del sole è solo un riflesso

Te ne resti là, eternamente triste…

 

Che assurda storia, ci puoi soltanto ridere

Eterna burla per noi, sospesa a un filo

Piangi!.. Ridi!.. Dolce sciocchina tu sei…

 

 

 

SHANTI BABA

 

Siedo su al ruscello ad ascoltare

Tu per me sei stato come il mare

Cantavi con la luna e il tuo cuore era grande

Siedo su al ruscello ad ascoltare

 

Fiori restan sulla tua chitarra

Ti chiama la mia armonica perché

Tu non ci lasci mai e mai te ne andrai

Con quei fiori e stelle sulla tua chitarra

 

Libero e bambino tu hai vissuto

La gente forse mai lo capirà

E forse mai saprà di quanto vero tu sei stato

Fale, tu libero e bambino

 

Giocano i capelli tuoi col vento

Parlano di pace amore e incenso

Raccontano di un sogno ed in questo tu hai creduto

Dolce fratello coi capelli al vento

 

Canta la terra dove sei passato

Grida verso il cielo chi ti ha amato

Noi ti piangiamo in tanti ma tu vuoi saperci shanti

Shanti Baba, shanti così sia

Ritorneremo shanti così sia

Shanti shanti Baba così sia

 

 

 

LA LEGGENDA DI MAYA

 

Bianca Maya dal cielo vide cadere un fiocco di neve

dal cielo la piccola Maya vide cadere solo un fiocco di neve

Maya Bianca Bambina nuvola lontana

libellula effimera tu sei

Maya Bianca Bambina, Maya Bianca Bambina

ti chiama il vento, segui il vento e vai…

Maya voleva vedere più da vicino quel fiocco di neve

e favilla curiosa giunse di corsa con la mano tesa

Maya Bianca Bambina, limpida Fata Morgana

ride l’eco metallica con te

Bolla evanescente, scherzo di cristallo

tremuli e fatui fuochi gli occhi tuoi

 

Maya svelta nel gesto colse quel fiocco e rise giuliva

ma sorpresa restò allucinata: in mano il fiocco non c’era più

Notte nel suo mantello ride e ondeggia in un ballo

favola iridescente ti scioglierai

Maya Bianca Bambina, Maya Bianca Bambina,

ti chiama il vento, segui il vento e vai…

Notte nel suo mantello nera ondeggia in un ballo

favola iridescente ti scioglierai

Maya Bianca Bambina, Maya Bianca Bambina

ti chiama il vento, segui il vento e vai…

 

 

 

SIGNORE COME MAI

 

Cercherò con forze più ancora che in passato

di guardare avanti sempre con coraggio e pace dentro

Questa notte avvolgiti nel fumo – che lento sale

e ad occhi chiusi immaginati di – tu lo hai sperato

un Padre che ti porta nel suo mare – e dice:

“Figlio, avrai la forza che non hai avuto mai

Prendimi per mano, è meglio che andiamo,

dai dobbiamo affrontare molta strada”

 

Pregherò che il sonno infine non prenda anche me

in questa lunga e assurda corsa a ostacoli che davanti ancora c’è

Ricordo quelle notti che tremavo – dicevo piano

“Son certo che mi ascolti e che mi vuoi – salvare”

Finché vuoto di lacrime cedevo – nel buio

come i neonati a un sonno amaro e poi

Mi son perso ovunque, Signore, per cercarti

tastoni ad arrancare nel buio a sbattere col naso

per sentire solo un gran vuoto tutto intorno

Signore come mai da me non ti fai trovare, come mai?

Signore come mai da me non ti fai trovare, perché Signore?

 

Cercherò un po’ più forze perché il sonno non mi colga

In questa merda di corsa a ostacoli che davanti ancora c’è

mi chiedo ma come puoi esser certo, chi lo sa

se le paure sempre inseguon la tua vita ovunque vai?

non puoi sfuggire, troppo incerta e a volte triste è la realtà

come sai bene siamo tutti un po’ anche soli a camminare

per esempio mi son perso ovunque, Signore, per cercarti

tastoni ad arrancare nel buio a sbattere col naso

per sentir solo un gran vuoto tutto intorno

Signore come mai da me non ti fai trovare, come mai?

Signore come mai da me non ti fai trovare, come mai?

Raggiungere lassù da me non ti lascerai, perché Signore?

 

 

 

NON STARE GIU’

 

Che tristezza, non è più come prima… ma non ti devi buttare giù!

Tu lo sai che tutto continua, non stare giù!

Lo capisci, nient’altro puoi fare, ma per questo non devi soffrire

Pensa che non tutto è perduto… non stare giù!

 

Guarda intorno, guarda il mondo… guarda l’alba e i suoi colori…

Ricanta il gallo e tutto sempre avanti va…

E quando a sera il vento spazza il giorno, e il sole a valle scende già

è un’altra fine eppur la storia avanti va…

 

Lascia a ieri le lacrime andare, e ritorna sereno perché

ogni giorno ha già il proprio male… anche per te

Nel tuo cuore un silenzio profondo, i ricordi che non cancelli più

ma ricorda: c’è qualcuno al tuo fianco… non stare giù!

 

Canta il mare, eterno mare… quanti mondi da scoprire…

Cade l’onda eppur la storia avanti va…

Guarda in alto, guarda il cielo, non sentirti mai da solo…

Stringi a te la tua speranza e avanti vai…

 

La natura si risveglia col sole, sopra i rami si riaprono i petali

Torna forte e riprendi il cammino… dai…tirati su! …

 

 

 

FIORE DI CAMPO

 

Nel vento ascolta il fuoco del mattino

un nuovo giorno nasce su di noi

La gioia danza allegra in mezzo agli alberi

ridente è  la campagna insieme a noi

Nel vento ascolta il sole del mattino

la pioggia della notte è a andata ormai

Il fuoco ci riscalderà un tè indiano

ascolta questo canto è ora per noi

 

Amiamoci e baciamoci sulla prateria

Fiore di Campo sei limpida sorgente tu per me

negli occhi tuoi spontanei un cielo immenso hai

oh intorno a noi già stelle cantano!

 

Chitarra mai le note finirà

di raccontarti questo amore mio

Riscalda le tue mani qui con me

Amore questo canto è ora per te

 

Amiamoci e baciamoci sulla prateria

Fiore di Campo sei limpida sorgente tu per me

negli occhi tuoi spontanei un cielo immenso hai

per sempre i nostri cuori cantano!

 

 

 

DAL BUIO IO TI CHIAMO

 

Ascolta la mia voce nel grande tuo silenzio,

Dal Buio io ti chiamo lassù dove Tu sei

Guarda qui, guarda giù,Tu vedi questa vita:

E’ tutta un vuoto inganno, è solo un triste inganno

Dal Buio io ti chiamo lassù dove Tu sei

Se lo vuoi, se lo vuoi aiutami a trovare

la Pace dell’Oceano, le onde dell’Oceano

Per questo io ti chiamo lassù dove Tu sei,

Padre mio, ti prego ascoltami

Destati… Guardami… Dove sei?

Se sono figlio tuo placami dentro,

se solo Tu lo vuoi

 

 

 

NEL VENTO SARAI

 

Dormono fra i gigli lune pallide

rugiada come me che giaccio

nascosto ai curiosi di un mondo che non vive

Lucciole lontane come stelle

perdute come me che giaccio

è assai lontana l’alba, non svegliarmi

Dondolano gli alberi e sembrano campane

son come la mia inquieta mente che non sa calmarsi ancora

 

Voci di gabbiani chiamano

amica che cos’è quest’assurda follia

quest’universo argento mare dove gridi rabbia e fuggi?

Cerco alla finestra la libertà

non chiedermi perché io voglio naufragare

senza più catene e senza più ritorno

Dei bimbi è cantare e uscire dal cancello

e andare sopra azzurri prati di un’altra realtà

 

Mi chiedo se mai hai provato a costruire

due ali di cristallo, così, per giocare

E stretti bene i fili, ad aprire le tue braccia

lasciando alle tue spalle la pianura per volare

Nel vento sarai, di luna e stelle vestirai

e giocherai fra il mare e le nubi

Nel vento sarai e mille favole inseguirai

per niente e mai più al mondo ritornerai

Nel vento sarai, sopra le onde volerai

per ogni alba che verrà

Nel vento sarai ma più lontano ti spingerai

e sarà soltanto allora che ti perderai.

 

 

 

VAI TRANQUILLO

 

Ogni cosa va e certo tu non la fermerai

prendila com’è e più non sbanderai

Girotondo è il mondo, per non confonderti cosa farai?

Vai tranquillo, vai, e non stancarti mai

 

Ma cosa ha visto mai questo po’ di terra?

Dolori e mutamenti

Parlano in silenzio dentro una conchiglia

prova ad ascoltare

 

Pace e libertà, amore ancora non c’è ma vedrai

che tutto cambierà e più non sbanderai

Girotondo è il mondo, per non confonderti cosa farai?

Vai tranquillo, vai, e non stancarti mai

 

E’ una guerra antica fra la spiaggia e il mare

da sempre a cambiare

Di sabbia i castelli le onde san disfare

cosa può insegnare?

 

Ogni cosa va…

 

Vivi quel che puoi, pensa a crescer dentro

e se hai amore non trattenerlo mai

Che diremo ancora? Come parleremo?

Chiaro tutto è ormai

 

Ogni cosa va…

 

E’ una guerra antica fra la spiaggia e il mare…

 

 

 

DORMI MIO PICCOLO AMORE

 

Ninna nanna, ninnaò la luna coi capelli in giù

Ninna nanna ninnaò i tuoi occhioni chiusi dentro dondolo in silenzio

Dormi mio Piccolo Amore perché ieri mai più tornerà

Dormi e fatti cullare che domani il sole a te canterà

 

Ninna nanna ninnaò il tuo respiro ascolto nel buio

Ninna nanna ninnaò le labbra tue sorridono nel sonno biscottino mio

Dormi mio Piccolo Amore perché ieri mai più tornerà

Dormi e fatti cullare che domani il sole a te canterà

 

Ninna nanna ninnaò mi sposto per non fare rumore

Ninna nanna ninnaò ti copro e poi ti bacio piano piano sulla fronte

Dormi mio Piccolo Amore perché ieri mai più tornerà

Dormi e fatti cullare che domani il sole a te canterà

 

 

 

L’ANELLO D’ARGENTO

 

Oceano d’erba, il grande castello

fra i boschi lassù

Cavalli senza meta, senza cavalieri

tra i boschi lassù

Porto un poncho a fiori, colore della notte,

colori delle fiabe fra i boschi lassù

 

L’Anello… d’Argento…

 

Voce nel vento festosa mi chiama, dal bosco Lei mi chiama,

fra i boschi lassù

La via del capriolo porterà al castello, mi porterà lassù,

fra i boschi lassù

Ridente m’aspetta l’Azzurro Tutù, l’Azzurro Tutù

 

L’Anello… d’Argento…

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: