TESTI

TESTI “ANTOLOGIA DI UN VAGABONDAGGIO”

 

Antologia Di Un Vagabondaggio

 

 

RITORNERA’ A CASA SUA PER LA LUNA NUOVA

 

Era nell’aria un buon odore, odore di pane

E la sua chioma e i suoi capelli, nodi di giade

Sedeva dritto davanti al fuoco senza parlare

Ritornerà a casa sua per la luna nuova

Ritornerà a casa sua per la luna nuova

 

E la sua casa era una noce, era una noce

Ed era semplice e spontaneo, semplice e spontaneo

Ed i suoi amici erano i cani, il gufo ed il cinghiale

Ritornerà a casa sua per la luna nuova

Ritornerà a casa sua per la luna nuova

 

 

 

UN FUOCO SULLA SPIAGGIA

 

Ora porto scarpe nuove ma la gente non lo sa

C’è troppa confusione e la gente non lo sa

Che io a piedi nudi correvo fra i girasoli e il cielo

Ed i semi coglievo e poi me li mangiavo

Così dopo mi addormentavo la luna mi illuminava

E dopo mi risvegliavo e nel fiume poi mi gettavo

E con il sole ridevo e con la chitarra cantavo

 

Ho tagliato i miei capelli ma la gente non lo sa

C’e troppa confusione e la gente non lo sa, che…

E’ un fuoco che mi manca un fuoco sulla spiaggia

Chapati* da mangiare e un the d’acqua di mare

I bonghi sono il ritmo del cuore i gufi per chiamare

L’incenso per giacere i flauti per parlare

I cani per giocare il vento per ricordare

Il corno per salutare la fiamma per andare

La fiamma per andare

 

 

E HO INCOMINCIATO A VOLARE

 

Ho incontrato un piccolo animale per strada

era stanco era solo lui andava, andava,

ma non sapeva dove andare

Gli chiesi di seguirmi, e in silenzio mi seguì

lo condussi lontano, nel villaggio degli sconosciuti e lì,

lì, mi offrirono del vino e ho incominciato a volare

 

Era sera c’era un freddo maledetto,

e la mia strada era buia e vuota

questa volta venne un cane curioso ad annusarmi,

presto mi fu amico

Allora presi la mia chitarra da battaglia e,

dopo averla agitata contro il cielo blu notte

ho visto volare infiniti zaffiri, e ho incominciato a volare

 

Era un viale di bosco, una luce rossa triste mi abbagliava

e non avevo per niente voglia di tornare

Allora scesi solitario nel vento e chiamai stormi di aironi

ora siamo sospesi, liberi e leggeri lassù

fra il mare e le nubi, e ho incominciato a volare

 

Spesso capita di sentire urla nell’eco di campane

voci confuse che chiamano nella pioggia, diffondersi

e smorzarsi dalle foreste, ma i miei aironi mentali

mi stanno sempre accanto

e continuo a volare

e continuo a volare

e continuo a volare

 

 

AUTOSTOP

 

Sull’autostrada in autostop, sull’autostrada in autostop

Il sole abbaglia sull’asfalto, sull’autostrada in autostop

Sono partito senza fumo, sono partito libero

Brucia la strada scarpe non ho, sono partito libero

Le macchine corrono a un metro da me, le macchine corrono e mi sfiorano

Gli grido dietro “Agrigento!”, le macchine corrono e mi sfiorano

 

Nessuno ti prende mai, nessuno ferma mai, nemmeno un cane

Ho una chitarra e perciò ma siedo ancora un po’ ad aspettare

 

Per quanta strada ho camminato, per quanta strada ho camminato

Ci manca solo la stradale, per quanta strada ho camminato

Sotto le stelle in autostop, sotto le stelle in autostop

Qui solo ed idiota ad andarmene via, oh no, sotto le stelle in autostop

 

Che sei venuto a fare sull’Autostrada del Sole in piena notte

Nessuno ti prende mai, nessuno ferma mai, nemmeno un cane

Ho una chitarra e perciò mi siedo ancora un po’ ad aspettare

Hai una coperta, vai, scavalca quel guard rail, lasciali andare!

 

Nemmeno un cane qui con me

Uh quanto ancora brucerà questo mio istinto irrequieto

di andarmene sempre via?

 

 

PIAZZA DELLA SIGNORIA

 

Fratello per il sangue io voglio proprio andare

è piccolo il pianeta, ci farà rincontrare

Sorella per il sangue io parto per il Sud

è piccolo il pianeta, ti tornerò a incontrare

Dalla spiaggia del mare ti manderò il mio Om

cantando mille mantra per questa luna piena

Mi doni un campanello ed un pezzo di pane

ti lascio Ponte Vecchio e un chilom da impastare

 

Un poncho una coperta, un flauto per suonare

bagnato dalla pioggia, c’è un freddo che fa male

Rivedo da lontano piume fiori Namaste

ne incontrerò altri ancora gli canterò di te

Rivedo da lontano piume, fiori, nuvole

i tabla le chitarre, e solenni Bom Shankar

 

Son già sull’autostrada, sulla Firenze Mare

partito ieri notte la pioggia non c’è più

Rimangono le pozze d’acqua in terra e un sole acceso

l’asfalto brucia ormai, si fermasse almeno un camion!

 

A piedi nudi in terra non si può stare fermi

l’asfalto è già rovente, è meglio andare avanti

Rallenta un Diane rosso ed è proprio per me

afferro le mie storie, gli corro incontro e andiamo

 

Mi volto a guardare la strada dietro me

mi sembra in lontananza uno stormo di gabbiani

Mi volto a guardare la strada dietro me

e vedo in lontananza uno stormo di gabbiani

 

 

UN AMORE SENZA PAROLE

 

Mentre guardo il grande mare mentre il fuoco lascia il cielo

io mi sento un poco solo dopo il volo dell’amore

Mentre guardo il grande mare mentre il fuoco lascia il cielo

io mi sento un poco solo dopo il volo dell’amore

 

Sotto Chandra ancora piccola sotto un Bam Bhoole di perla

sotto sole vento e pioggia un amore senza parole

Come il grano contro il vento come un sole senza nubi

sotto a un cielo grande aperto un amore senza parole

Lei rideva lei giocava lei scaldava le mie lune

lei rideva ad ogni Surya eri dolce dentro al cuore

 

Sono stato troppo tempo ad ascoltare il mare il vento

ad ascoltar questo tramonto mentre il fuoco scoppia lento

Sento flauti in lontananza sento odore anche di hashish

forse c’è piccola Janis sento un grido ‘Bom Shankar!’

Sento suon di campanelli odor d’incenso piume chilom

forse c’è piccola Janis ora torno dalla tribù

 

Tu va’ pure va’ lontano ma io voglio solo che

Luce sia sempre con te e non ti abbandoni mai

Tu va’ pure va’ lontano io ti lascio dell’incenso

e un disegno di Ganesh, io ti lascio quest’incenso

 

Volo dentro a un grande vento ora dentro sto piangendo

forse la piccola Janis sta cucendo un braccialetto

Sta cucendo un braccialetto un braccialetto colorato

è azzurro bianco un po’ gelato e io sento molto freddo

 

 

CANZONE DEL RIMPIANTO

 

Non so com’è che sento chiamare

com’è che sto volando lontano

com’è che sto inseguendo gli angeli

 

Non so com’è che sento suonare

delle note che conoscevo già

com’è che un piano suona accanto a me

 

Vorrei sentirmi ancora cullare

vorrei che fosse tutto un sogno però

quand’è che mai col sole io mi sveglierò

 

Vorrei che tu fossi ancora vicino a me

vorrei che tu ancora credessi in me

vorrei gridare al cielo “Vedi, sono io!!!”

 

Vorrei che tu ancora fossi vicino a me

vorrei che tu ancora credessi in me

vorrei che al cielo mi sentisse Dio!!!

 

 

ES IST GAR*

 

Chi è questo bel tipo che mi chiede “Di dove sei?”

Mah, quanto è curioso non si fa i fatti suoi

Chi è questa gran folla che non ha altro da fare?

Mah, non so che dirti forse ti basta “Es ist gar!”

 

Se senti d’insegnarmi a stare al mondo, es ist gar

Se cerchi d’intortarmi con le buone es ist gar

Se dici che ti sembro ineducato, es ist gar

 

“Ma..ma tu devi capire..” es ist gar

“Vuoi..vuoi fare l’originale..” es ist gar

Se ridi perché sono a piedi nudi, es ist gar

Se chiedi perché c’ho i capelli lunghi, es ist gar

Ma ma ma molla le mie storie, vai fuori dai coglioni

se pensi che qualcosa qui sia sbagliata, es ist gar

 

 

SIAMO TUTTI SOLI

 

La gente è per le strade che continua i propri affari

vorrei fermarne uno e mettermi a gridare

come facevo allora, ma mi devo svegliare:

il grande film sociale deve continuare

 

Nell’angolo c’è un vecchio che si scola del gran vino,

la gente ride e passa “dove si finirà?”, dice

Lì c’è uno che sta male, uno che si deve fare

la gente sta a guardare e poi via se ne va

 

Guardate il capellone, ehi, dico a voi, cacciatelo di qua

vuole fare il santone, le scarpe non le ha

Qualcuno è stato ucciso ma chi fosse non si sa

è stato anche già sepolto ma il tempo avanti va

 

Tu che sputi il tuo sangue per l’appago della gente

protagonista stereo devi continuare

La gente è per le strade che continua i propri affari

vorrei fermarli tutti e mettermi a cantare

come facevo allora, ma la storia è sempre uguale:

L’ironia del mondo è che siamo tutti soli

l’ironia del mondo è che siamo tutti soli

l’ironia del mondo è che siamo tutti soli

 

 

CHI SEI

 

Chi sei, chi sei, potrei anche capire, ma dimmi tu

Chi sei, chi sei, tu che mi vuoi imbrogliare, dimmi tu

Chi sei, ma chi sei, vuoi farmi rovinare, ma dimmi un po’

Chi sei, chi sei, a chi la vuoi menare, ma dimmi un po’ chi sei

 

Chi sei, chi sei, con quelle gomitate, ma dove arriverai

Chi sei, chi sei, tu che vuoi calpestare, ma dimmi tu che vuoi

Chi sei, (ehi, ma che storie.. “Documenti!”)

tu con quella divisa, dimmi tu

Chi sei, chi sei, sei duro come il legno ma presto capirai

 

Chi sei, chi sei, vuoi farmi ragionare, ma dimmi un po’

Chi sei, chi sei, tu che mi vuoi imbrogliare, ma dimmi tu che vuoi

Chi sei, chi sei, signore la commedia è finita o sono guai

Chi sei, chi sei, potrei anche capire ma fatti i fatti tuoi

Chi sei, chi sei, potrei anche capire ma fatti i fatti tuoi

Chi sei, chi sei, potrei anche capire ma fatti i fatti tuoi

 

 

PICCOLA CHANDRA

 

Oh shanti shanti Bambhoole Piccola Chandra

che la Luce sia sempre insieme a te

 

Tu che ardi nei tuoi occhioni fra mille statue di cera

Tu che brilli in mezzo a queste pietre nere

Tu figlia della luna, figlia di voli lontani

Figlia del vento, di un cervo, un bianco airone

 

Oh shanti shanti Bambhoole Piccola Chandra

Bambhoole Bambhoole Bambhoole

 

Oh Bambina mia chi è che vuole portarti via?

Chi è che dice “è la legge e così sia”?

Ma, Piccola mia, loro volano nella notte

Non lo sanno che col vento voli via

 

Oh shanti shanti Bambhoole Piccola Chandra

Con Char Si e con il vento vieni via!

 

Da una buia prigione scrivo questa mia canzone

La farò volare a te con un filo e un aquilone

Fra le sbarre e le catene canto questa mia canzone

La farò volare a te senza dir troppe parole

Per il fuoco il cielo il vento per l’amore che ho per te

Voglio che il silenzio dica più di me

 

Oh shanti shanti Bambhoole Piccola Chandra

che la Luce sia sempre insieme a te

 

 

NEL NIRVANA DEGLI DEI

 

Come vedi, tu sei andata già

io invece sono ancora qua

Sono certo che Bacco riderà

più di questo non so dirti ma

 

Quanto è piccolo quello che vorrei

solo per un giorno vera vita e poi

Quanto è grande la nebbia i Pirenei

forse più lontani fra nubi gli occhi tuoi

 

Se lo vedi salutami Char Si

il suo benares lo porto ancora qui

Mille piume, quando canti da lassù

mi ricordi dei Crosby, Stills & Nash

 

Dimmi un po’ se hai visto un aquilone in lontananza

con una canzone scritta in nome tuo

Guarda intorno gli angeli, e tu cosa sei

Forse una farfalla nel nirvana degli dei?

Va’ più in alto, più lontano meglio stai

Non voltarti indietro, solo questo io per te vorrei

 

Quanto è grande la luna questa notte

danzano folletti e mille fate intorno a me

Mi si celan gli occhi, sono stanco ormai

dormirò il mio sonno in mezzo a quel campo laggiù

 

Quanto è grande la luna questa notte

chiuderò i miei occhi e nel silenzio sparirò

Forse ci vedremo sulla luna e tu aprirai

le tue grandi ali e il lungo viaggio riprenderai

guarda intorno gli angeli, e tu che cosa sei

Forse una farfalla nel nirvana degli dei?

 

 

ERA NECESSARIO

 

Era necessario che come il gabbiano

aprissi le ali e volassi lontano

dove i raggi di luce sono solo illusione

dove il sogno è dissolto nel canto del cigno

per capire gli scherzi dell’animo umano

e scoprire che in fondo era tutto un inganno

Era necessario per potermi svegliare

vedrai che a qualcosa ci servirà

 

Era necessario che gettassi la chiave

per non aprire più la porta di casa

per scrollarmi di dosso quella maschera vuota

quell’idiota commedia di ragazzo per bene

E mi chiedo ancora a chi siano servite

le mie vecchie scarpe abbandonate per strada

era un fresco mattino quando scesi la valle

all’alba il mondo sembrava incantato

per lavarmi in un mare di dolce rugiada

baciare la vita a piedi nudi

Era necessario per poter migliorare

anche questo a qualcosa ci servirà

 

Certe volte si ride e tanti non sanno

che dietro ai miei occhi si cela il ricordo

di un tempo vissuto a cantare e a giocare

in quelle notti di luna sul mare

A guardare e ascoltare le libere stelle

che nel silenzio ci stanno a parlare

e dicono a tutta la gente del mondo

che vivano bene o che vivano male

“Ma chi ve la fa fare di star là a sognare?

Godetevi i doni a piene mani!”

E questo e altro ancora dovevi imparare

la sera che partisti senza tornare

 

Era necessario per imparare

anche se forse c’era un modo migliore

Ho imparato da lucciole e da gatti randagi

ho lavato i miei panni in fiumi e cascate

Ho cantato canzoni per il cielo e i piccioni

nelle piazze deserte alle sei del mattino

E ho diviso il mio pane con i cani per strada

sui gradini dell’alba confortati dal vento

E ho capito un segreto che tanti non sanno

che felici si può essere anche con niente

Come rondini in cielo soltanto emigrare

e che anche qui in terra si può volare

Era necessario per poter ritornare

anche questo vedrai che ci servirà

 

Era necessario e guardiamo davanti

non mi dite che è stato soltanto un errore

Ho dormito nei campi fra le lacrime e i fiori

incontrato serpenti e filo spinato

Ho rincorso aquiloni scritto canzoni

salvato straccioni da morti annunciate

E ho imparato a guardare più in là del mio naso

a sentir fino in fondo l’umana miseria

Noi crediamo di crescere fra quattro mura

ma spesso restiamo solo bravi ed idioti

Era necessario non ti devi arrabbiare

anche questo vedrai che ci servirà

 

Era necessario che come il gabbiano

prendessi coraggio e sparissi lontano

sopra i mari del vuoto e dell’illusione

in cerca soltanto di vivere dentro

Non potrei dirti quanto per istrada ho pianto

mentre in silenzio dietro ai vetri pregavi

E’ un dolore che forse si poteva evitare

ma anche questo alla fine ci servirà

ma anche questo alla fine ci servirà

ma anche questo alla fine ci servirà.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: